Peppe Voltarelli apre a Reggio il Globo Teatro Festival

Peppe Voltarelli apre a Reggio il Globo Teatro Festival

Inizia venerdì 29 agosto la prima edizione del Globo Teatro Festival nel bellissimo anfiteatro nel Parco di Ecolandia ad Arghillà, completamente rinnovato per l'occasione. Si inizia quindi con il primo dei due week- end di programmazione previsti per questa edizione estiva che si concluderà domenica 7 settembre.

Venerdì 29 agosto alle ore 21.00 ci sarà l'apertura con il teatro-canzone "Il Monumento" di e con Peppe Voltarelli; sabato 30 agosto ci saranno Pierre Byland e Mareike Schnitker con "Confusion", spettacolo per la prima volta in Calabria e dedicato al grande Jacques Lecoq che ne è stato autore assieme allo stesso Byland. Già giunto giovedì sera in riva allo Stretto, Pierre Byland è una delle tante presenze prestigiose del festival, uno dei clown più importanti al mondo; come disse lo stesso Lecoq: "La sua personalità, il suo talento e i suoi doni acrobatici, contribuirono al nascere dell'immagine del clown teatrale. Lui portò il piccolo naso rosso nel teatro di oggi e lo rese popolare con i suoi spettacoli…". Domenica 31, sempre alle ore 21.00, è programmato uno spettacolo in prima nazionale con la straordinaria attrice greca Nathalia Capo d'Istria e il suo "Omorfaskimi" liberamente tratto dal romanzo omonimo di Nikos Kachtitsis con adattamento, costumi, regia della stessa Nathalia. Sarà un doppio appuntamento quello di domenica: alle 22.30 saliranno sul palco le attrici Maria Milasi e Kristina Mravcova con "La morte Addosso", un bellissimo spettacolo tutto al femminile scritto da Domenico Loddo e dalla stessa Milasi con la regia di Americo Melchionda.

Primo calabrese a vincere il prestigioso premio Tenco per la canzone in dialetto (nel 2010 con il disco Ultima notte a Malà Strana), Peppe Voltarelli è ormai conosciutissimo anche all'estero dopo i suoi frequenti tour in paesi come Francia, Germania, Stati Uniti, Canada o il Sud America. Lo spettacolo che farà da apertura alla prima edizione della Globo Teatro Festival è tratto dal suo primo romanzo intitolato "Il caciocavallo di bronzo", un improbabile monumento da costruire in un paese immaginario. Un libro autobiografico narrato e 'suonato' tra le righe di diciannove storie dove versi di canzoni rappresentano la vera punteggiatura del racconto. L'ambientazione è un villaggio popolato da bizzarri personaggi in cerca di riscatto dalle economie locali e dai percorsi ad ostacoli su strade da sempre in costruzione.
Ne abbiamo parlato in una intervista esclusiva con l'artista.

Peppe, ci racconti cosa vedremo sul palco del Globo Teatro Festival?
"Lo spettacolo "Il monumento" è un monologo di teatro canzone nella tradizione italiana più classica, quella che dai pionieri arriva fino ad oggi e sconfina un po' nel teatro civile ma anche nella poesia popolare. È un racconto puntellato dalle canzoni che fanno parte del mio nuovo album "Lamentarsi come ipotesi", mentre la parte testuale fa parte di questo romanzo autobiografico che è "Il caciocavallo di bronzo", una specie di celebrazione laica della nostra appartenenza, della nostra terra, delle nostre tradizioni. È un manifesto di intenti, ironico e a tratti surreale, su come vedo io la mia storia e la mia terra".

Una storia, quella tua, indissolubilmente legata alle tue origini, ti sei anche definito un emigrante musicale…
"Si, infatti, un emigrante che attraverso la musica riesce anche a toccare alcuni punti che l'emigrazione inevitabilmente contiene: la nostalgia, la lontananza, la rabbia ma anche l'autocritica di chi vive lontano e non è protagonista ormai da nessuna parte".

Dove lo costruiresti l'ipotetico monumento di cui parli?
"Credo che in Calabria ci siano già tanti monumenti come il caciocavallo di bronzo, bisogna semplicemente andarli a scoprire. Io lo costruirei in un posto dove non c'è niente. Deve essere un riferimento, un monito, un monumento del pensiero, anche ideologico quindi. Lo farei sul lungomare di un villaggio dove non ci sono mai stati turisti e dove mai ce ne saranno. Lo immagino quasi come un'opera autoreferenziale, che sta da sola e non ha bisogno di gente che la fotografa".

Arrivi a Reggio in un tour che tocca l'Italia e anche l'estero: sarai a ottobre anche in Inghilterra e Germania, poi in Cile… come vedi la Calabria da lontano e com'è quella vista da vicino?
"Vista dall'estero, la Calabria per me è uno strumento inevitabile di costruzione del mondo, un bagaglio inesauribile di esperienze ma soprattutto di linguaggi che mi servono per capire quello che mi sta intorno. Quando sono fuori cerco sempre di parlarne in termini un po' diversi, senza quell'alone di superficialità da guida turistica. Provo sempre raccontare i luoghi nella loro essenzialità, spogli ma anche forse più autentici. Vista dall'interno, è disarmante nella sua bellezza estrema, a volte nella sua cattiveria, nella sua umanità perché sotto le macerie di un paese da sempre in crisi, smembrato dalla disoccupazione e dalle cose che conosciamo c'è sempre un battito enorme di umanità che io ritrovo e vado a cercare perché ne ho bisogno".

Un battito che ancora resiste?
"Un battito vitale, a volte appesantito e provato dal tempo. Penso che sia fondamentale fare una sorta di cernita, di raccolta di quelli che ancora non si sono rassegnati, che hanno ancora voglia di battersi per la giustizia, per l'onestà, per i valori semplici che poi sono i valori della cultura contadina. Io vado a cercare queste persone e spesso le trovo, alla fine del mio viaggio. Non è semplice perché la Calabria ti mette in difficoltà, ti mette sempre alla prova e ti vuole dire che devi sopportare tante cose per poi raggiungere quella luce, quel lumino acceso. Anche Reggio Calabria è una città straordinaria per la sua storia, per il luogo dove si trova e io credo che questa luce ci sia anche a qui, il compito è andarla a cercare e farne tesoro".

Una ricerca difficile, che a volte ti da energia, altre ti sottrae linfa vitale…
"Si, è una cosa difficile. È una questione di scelte, c'è chi sceglie di combattere, di ribellarsi. Io con la musica ho scelto di giocarmi tutto e quando dico di cercare quella strada e quella luce lo dico non solo in senso artistico ma concreto. In autunno sarò a Colonia, Londra, in Cile e anche lì ci sono dei pezzi di Calabria che combattono e che sono attenti a quello che succede qui, in questa terra; non sono persone che si sono perse, sono vigili anche loro".

Qual è il tuo rapporto con il teatro?
"Ho cominciato tanti anni fa con la compagnia Krypton di Firenze con la quale sono nate diverse collaborazioni. Sono un amante del teatro, un appassionato. Ho scoperto tante cose che sono state per me come una sorta di scuola, un laboratorio continuo che mi ha dato consapevolezza dell'uso della parola, dello spazio, della narrazione, della gestualità. Per me il teatro è stato una grandissima scoperta e soprattutto è un ambiente ancora da scoprire dove trovo che ci sia tantissimo da imparare, soprattutto nei nuovi autori. Quando posso vado sempre a teatro per conoscere i nuovi stili, anche oltre il teatro classico verso il teatro di innovazione, contemporaneo".

Foto di Fabrizio Fenucci

 

Il sito della manifestazione:
www.globoteatrofestival.com »»

Info sull'autore

Antonio Aprile administrator

Commenta